Previous Next

Storia del commercio elettronico

L'emergere dello shopping online come lo conosciamo si è sviluppato con l'emergere di Internet. Inizialmente, questa modalità funzionava solo come strumento pubblicitario per le aziende, fornendo informazioni sui suoi prodotti. Passò rapidamente da questa semplice utility all'effettiva transazione di shopping online grazie allo sviluppo di pagine Web interattive e trasmissioni sicure. Una delle prime forme di commercio condotte online è stata l'elaborazione delle transazioni online di IBM (OLTP) sviluppata negli anni '60 e che consentiva l'elaborazione di transazioni finanziarie in tempo reale. Il sistema informatico di prenotazione dei biglietti sviluppato per American Airlines chiamato Semi-Automatic Business Research Environment (SABRE) era una delle sue applicazioni. I terminali di computer situati in diverse agenzie di viaggio erano collegati a un grande computer mainframe IBM, che elaborava le transazioni simultaneamente e le coordinava in modo che tutti gli agenti di viaggio avessero accesso alle stesse informazioni contemporaneamente.

La crescita di Internet come vero e proprio canale per lo shopping sicuro si è sviluppata dal 1994, con le prime vendite dell'album Sting "Ten Summoner's Tales". Presto seguirono vino, cioccolatini e fiori e furono tra le categorie pionieristiche del commercio al dettaglio che alimentarono la crescita dello shopping online. I ricercatori hanno scoperto che disporre di prodotti adeguati per il commercio elettronico era un indicatore chiave del successo di Internet. Molti di questi prodotti hanno fatto bene in quanto sono prodotti generici che gli acquirenti non hanno avuto bisogno di toccare e sentire per acquistare. Ma soprattutto, all'inizio, c'erano pochi acquirenti online e provenivano da un segmento ristretto: benestante, maschio, di età superiore ai 30 anni.

Questa è la cronologia di sviluppo iniziale del commercio elettronico:

  • 1971 o 1972: ARPANET viene utilizzato per organizzare una vendita di cannabis tra gli studenti dello Stanford Artificial Intelligence Laboratory e del Massachusetts Institute of Technology, in seguito descritto come "l'atto fondamentale del commercio elettronico" nel libro di John Markoff What the Dormouse Said.
  • 1972: Mohamed M. Atalla deposita un brevetto per un sistema di transazione sicuro su reti di telecomunicazione, utilizzando tecniche di crittografia per garantire la sicurezza dei collegamenti telefonici, un precursore del commercio elettronico basato su Internet.
  • 1976: Atalla Technovation (fondata da Mohamed Atalla) e Bunker Ramo Corporation (fondata da George Bunker e Simon Ramo) introducono prodotti progettati per l'elaborazione sicura delle transazioni online, destinati agli istituti finanziari.
  • 1979: Michael Aldrich dimostra il primo sistema di shopping online.1981: Thomson Holidays UK è il primo sistema di shopping online business-to-business (B2B) ad essere installato. 
  • 1982: Minitel è introdotto a livello nazionale in Francia da France Télécom e utilizzato per gli ordini online.
  • 1983: la California State Assembly tiene la prima udienza sul "commercio elettronico" a Volcano, in California. Testimonianza sono CPUC, MCI Mail, Prodigy, CompuServe, Volcano Telephone e Pacific Telesis.
  • 1984: Gateshead SIS / Tesco è il primo sistema di shopping online B2C e Mrs Snowball, 72 anni, è il primo acquirente online da casa
  • 1984: nell'aprile 1984, CompuServe lancia l'Electronic Mall negli Stati Uniti e in Canada. È il primo servizio completo di commercio elettronico.
  • 1989: nel maggio 1989, Sequoia Data Corp. introduce Compumarket, il primo sistema basato su Internet per l'e-commerce. Venditori e acquirenti possono pubblicare articoli in vendita e gli acquirenti possono effettuare ricerche nel database ed effettuare acquisti con una carta di credito.1990: Tim Berners-Lee scrive il primo browser Web, WorldWideWeb, utilizzando un computer NeXT.
  • 1992: Book Stacks Unlimited a Cleveland apre un sito Web di vendita commerciale (www.books.com) che vende libri online con l'elaborazione delle carte di credito.
  • 1993: Paget Press release edition n. 3 del primo app store, The Electronic AppWrapper
  • 1994: Netscape rilascia il browser Navigator in ottobre con il nome in codice Mozilla. Netscape 1.0 è stato introdotto alla fine del 1994 con la crittografia SSL che ha reso sicure le transazioni.
  • 1994: Ipswitch IMail Server diventa il primo software disponibile online per la vendita e il download immediato tramite una partnership tra Ipswitch, Inc. e OpenMarket.
  • 1994: "Ten Summoner's Tales" di Sting diventa il primo acquisto online sicuro tramite NetMarket.

Nel 1994, a soli tre anni dall'apertura di internet alle attività commerciali, Pizza Hut aprì il suo primo negozio in linea.  Nello stesso anno, Netscape introdusse la crittatura SSL per il trasferimento dei dati in rete, divenuta essenziale per gli acquisti online.
Nel 1994 la compagnia tedesca Intershop introdusse il suo primo sistema di acquisti in linea, seguita nel 1995 dal lancio del sito di Amazon e nel 1996 dalla nascita di eBay.
Negli ultimi anni gli acquisti in rete sono incrementati notevolmente. Per effettuare un acquisto in linea è necessario avere accesso a un computer, nonché possedere una carta di credito o di debito. Un ruolo importante nel cambiamento delle attitudini dei consumatori è stato giocato dalla progressiva evoluzione tecnologica, poiché è stato provato che un'aumentata esposizione all'uso quotidiano di tecnologie incrementa le probabilità di sviluppare un atteggiamento favorevole ai nuovi canali di acquisto.

IBMI consumatori trovano il prodotto cercato visitando direttamente il sito web del negozio o della catena di interesse, oppure utilizzando i numerosi servizi di comparazione prezzi offerti in rete. Buona parte dei venditori in linea offrono ai clienti un servizio di carrello della spesa virtuale che permette di accumulare oggetti e variare le quantità, come durante la spesa in un negozio tradizionale. Segue un processo di controllo, nel quale sono richieste le informazioni per il pagamento e la consegna dell'acquisto. Alcuni negozi permettono ai clienti di aprire un account in linea permanente, velocizzando così le operazioni di pagamento e di consegna. La procedura di acquisto prevede, spesso, una conferma via posta elettronica della avvenuta transazione.


Stampa   Email